GNOCCAFORUM.biz

Seguici su Twitter
Motore Ricerca Escort


ItaliaGuardami annunci escort
Annunci trans Nobili Seduzioni
Annunci escort ItaliaGuardami

Katiuscia, Giappo-peruviana a Porta Furba  (Letto 4124 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Spider Pork

NOME INSERZIONISTA: Katiuscia
RIFERIMENTO INTERNET: non trovo un link valido da nessuna parte. Digitate “Katiusca” (proprio così, senza la i) sul vietatissimo scaffale.
CITTA DELL'INCONTRO: Roma
NAZIONALITA': sedicente giapponese
ETA': 19-20
CONFORMITA' ALL'ANNUNCIO: non credo sia lei in foto, ma comunque le somiglia. Nel testo, più chiacchiere che sostanza.
SERVIZI OFFERTI: BJ, Daty, 69, Rai1, COB per VU. (Rai2 visibile con 30 rose di supplemento). No FK e CIM.
SERVIZI USUFRUITI: tutti tranne Rai2
COMPENSO CONCORDATO: VU
DURATA DELL'INCONTRO: 20/25 minuti
DESCRIZIONE FISICA: ragazza tascabile (max 1 e 60), approssimativamente sui 20 anni, con tratti somatici orientaleggianti, piccoletta tutta proporzionata, seno sodo tra 1a e 2a misura, bel culetto, topina pelosetta con pratino tagliato all’inglese. Tatuaggio su spalla dx e mi pare pure su caviglia o piede, era un po’ buio e non ricordo bene.
ATTITUDINE: lolita
REPERIBILITA': buona
PRESENZA DI BARRIERE ARCHITETTONICHE: yes, rampa di scale
INDEX: IDX4318a84edc195f759fa6b8a48df803ce Cerca Index
LA MIA RECE:
fedele alla mia filosofia, quella di sperimentare sempre nuovi orizzonti possibilmente a basse velocità, vi racconto stavolta, cari colleghi e lurkoni, un recente delirio onirico che ha come ambientazione la famigerata via dei Quintili, da me mai frequentata ma che, a leggere alcune testimonianze dei colleghi più esperti, pare essere una sorta di suburra 2.0, ricca di scannatoi pieni di missiloni di ogni risma ed etnia sempre puntati sulle nostre punteristiche chiappe, in un contesto di degrado umano e paesaggistico.
Invece di fuggire il più lontano possibile, va a sapere perché, mi sento irresistibilmente attratto e, interpellato telefonicamente l’oggetto del desiderio, sento rispondere una vocina educata e con inconfondibile accento spagnolo che – incredibile - sostiene di essere giapponese. Parte da VU e, incuriosito, mi dirigo verso il civico da lei indicato, pronto all’evenienza alla rapida fuga. Rischio di perdermi nel dedalo di viuzze di questa No Man’s Land suburbana, finché non giungo a destinazione (c’è un grosso benzinaio vicino, diciamo di colore blu per evitare sponsorizzazioni).
Scale, porticina, scusa per la fuga già in mente, la vedo e, sorpresa, è carina! Decido quindi di investire le mie 50 rose. Appartamentino un po’ buio e incasinato, presenza umana in stanza accanto a quella delle manovre (c’è una sua amica, dice lei…), bagnetto caotico ma con tutto l’indispensabile, stanzetta con luce soffusa di abat-jour e letto con stramaledetto armadio a ponte sul quale un paio di volte ho scraniato durante le grandi manovre, per fortuna senza danni cerebrali apprezzabili, oltre a quelli già in dotazione.
Curiosissimo, le chiedo come mai parla un buon italiano con accento spagnolo ma ha i tratti somatici orientali, e le “estorco” la seguente confessione: ha il padre giapponese e la madre peruviana, ma ha studiato qui in Italia! Boh… Il bello è che secondo me potrebbe essere addirittura vero!
Breve OT: mi è venuto subito in mente un episodio del Gruppo TNT nel quale loro, alle Olimpiadi, dovevano proteggere un grande atleta e Alan Ford dice: “ah, il nippo-indo-cino-anglo-franco-italo-belga-canadese! Ma per che paese concorre?” E il Numero Uno gli risponde: “per la Cambogia”…
E vabbè. Convinto ormai che nomi, nazionalità e vicissitudini delle pay lasciano il tempo che trovano, mi concentro sulla prestazione.
Lei è graziosa, piccina e fresca come una rosa, intorno ai 20 anni reali. Corsetto con gancetti sul davanti, tacchi a spillo e intimo nero. Di viso, strano a dirsi, somiglia davvero a quelle orientali carine delle foto fake che si trovano sui vari siti.
Cominciamo a smanettarci, poi lei mi gomma subito con copertone rosso fiammante. La faccio BJobbare (a crudo dice che non lo fa), guidandola delicatamente per qualche affondo che non riesce a portare a termine, poi un po’ sui gemellini, quindi assaggio la topina, piccola e saporita, poi 69, indi la prendo con quella specie di Saetta McQueen che ho tra le gambe, in modalità missio-peco-smorza (a smorza aumenta di molto il ritmo, forse per farmi terminare), poi la rimetto a missio e qui, poco dopo, liberatomi del copertone, la innaffio sul pancino e sulle tettine, con preghiera sua di non arrivarle sul viso. Ah, ho digitalizzato per qualche attimo Rai2: strettoooo! Averci una trentina di rose in più, magari avrei approfondito…
Finalino: ora magari verrà fuori che è una cinese di batteria da 30 dobloni, poi qualcuno dirà che la prestazione è stata la più classica delle 4jumps, che non bacia, che il bj gommato non è bj, ecc. ecc.
Io però così l’ho sognata e così ve l’ho raccontata.
Ottimista per natura, vedo sempre il lato positivo delle situazioni e, per VU, mi dichiaro soddisfatto.
Ovviamente, i fatti e i personaggi del sogno qui narrato sono esclusivamente frutto di fantasia, essendo del resto personaggio di fantasia lo stesso autore.


Offline Barfly

K+1 per la rece divertente...

Offline Spider Pork

Grazie Barfly, e complimenti: gran bel paio di avatar!
Ps. ho letto tonnellate di analisi sociologiche sul perché e percome gli uomini sognano le pay.
Per quanto mi riguarda, rispondo con tre parole: perché mi diverto!

Offline spongebob



[...] stanzetta con luce soffusa di abat-jour e letto con stramaledetto armadio a ponte sul quale un paio di volte ho scraniato durante le grandi manovre, per fortuna senza danni cerebrali apprezzabili, oltre a quelli già in dotazione.
[...]


:) :) :)
Spider Pork, sto ancora ridendo... K+
Mi hai rammentato un'esperienza e riflessioni personali simili ...
Grazie

 



XHTML -- RSS -- WAP2 -- SITEMAP