GNOCCAFORUM.biz

Seguici su Twitter
Motore Ricerca Escort


Millerotici Annunci escort Virtual Reality Amateur Porn
Annunci Millerotici
Porno Realta Virtuale Love The Game
Porno Realta Virtuale

Rag. Fantozzi: Il ritorno (con tripletta) Anna di Dalmine-Laura e Simona otr  (Letto 6853 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore visualizzano questo topic.

Offline fantozzi.ugo

Cari Colleghi,
voglio esternarvi il mio ultimo sogno ad occhi aperti; si tratta di un sogno complesso, per il quale vi invito a sedervi comodamente, magari con un buon bicchiere di qualcosa di buono, assaporando la lettura che segue.
Rientrato da quasi 2 anni di assenza dai patrii lidi, e giunto finalmente nell’amata mia città, mi diletto nella lettura di occasioni in vari siti internet e delle vostre recensioni, alla strenua ricerca di opportunità che permettano di dar ampio sfogo alle voglie mie represse da una lunga, anzi oserei dire lunghissima, astinenza.
Con le palle gonfie, a guisa di orchite ed il membro perennemente in palo, mi appresto dunque nella ardua ricerca.
Non è facile, a quanto vedo, trovar ciò che immagino, ovvero una dolce pulcherrima che sappia apprezzare il frutto di 2 anni di rinunce ; nel corso delle mie notti insonni dei quasi 2 anni, infatti, sognavo ad occhi aperti ciò che avrei fatto al mio ritorno e, immaginando, pensavo che sarebbe stato un vero peccato gettare al vento il frutto di si tanto godimento che, da me, sarebbe scaturito da si tanta attesa.
L’dea che si concretizzava era: “avrei dissetato di crema chi si sarebbe distinta nell’apprezzamento di tal mio dono”.
Ma la ricerca non si rivela facile. Anzi, complessa.
Iniziato con B.I. e analoghi siti, trovo una totale non corrispondenza tra quanto dichiarato negli annunci e le reali intenzioni . Tutte scrivono di praticare l’ingo; peccato però che per loro l’ingo corrisponda 98 casi su 100 al deep throat e non alla bevuta.
Peggio ancora ciò che viene dalle orientali, a Bergamo non ne ho trovata una e dico una, che sia decente di aspetto. Tutte caldaie arrugginite, vecchi boiler o caloriferi obsoleti, per non parlare dei menù: nessun ingo , ma, volendo, alcune disposte al tutto nature.
Un gran casino!!!
Dunque, affidandomi all’autorevole fonte di GF, inizio la strenua ricerca e mi imbatto con una lei che mi attira subito per il nome “casalingua”.
Guarda il profilo della escort
La chiamo, ci parliamo e poi ci accordiamo per vederci, anche perché dice di non disdegnare la dolce bevuta, ma nell’attesa che giunga il fatidico giorno mi vedo arrivare sfilze di messaggi, di foto e di filmati che la ritraggono. E’ brava, a quanto pare, nell’arte amatoria orale, anche quando si fa ritrarre con la bocca piena e trabordante di bianco nettare. Peccato che tali virtuali epistole arrivino nei momenti più impensati e anche meno opportuni, ma pazienza mi dico. (Tra l’altro mi ricorda una tipa che conoscevo , sarà lei o un'altra che le assomiglia?). Altro peccato giunge quando, dopo accordo telefonico, la raggiungo per il consumo e mi tocca attendere all’ingresso del suo nido … “ma come”, mi dico, “eravamo concordi su orario e tutto e adesso mi fai attendere?” E qui rammento allora delle lamentele di altri colleghi sulla stessa falsariga. Decido comunque di restare in attesa, da bravo cavaliere, ma quando il tempo si dilata e lo scazzo giunge, decido di mollare; mi allontano allora e, nella rabbia sopraggiunta, cancello quel contatto così pretenzioso .
A tal rinuncia, così ardita e così difficile in un siffatto momento di piena, seguono poi altri tentativi, reperiti da conoscenti e da internet, ma malgrado le chiare assicurazioni telefoniche di presunte disponibilità orali fino in fondo, a conti fatti, nessuna di loro si dichiara disposta od interessata a dissetarsi del mio litro di crema.
Mi affido allora alla benevolenza di qualche gentil collega che, infatti, alla mia richiesta risponde, con qualche dritta o suggerimento, che però non giunge a buon fine.
Il contatto con Maddalena di Stezzano ( Guarda il profilo della escort mi fa comprender che la signora non esegue più l’arte orale completa, ma preferisce il COF.
Il contatto con Sua Eccellenza Natasha Kiss, passata gentilmente da un collega, si rivela invece proficuo; peccato che i suoi impegni non abbiano ancora coinciso con i miei, e, ad oggi, non ci hanno ancora avvicinato. Resta comunque un ottimo contatto che non mancherò, a breve (spero) di sfruttare. (Peraltro sono sempre stato uno dei suoi maggiori e fedeli degustatori delle sue performance in video).
Decisamente amareggiato, rispolvero dunque la vecchia agenda , facendo memoria di chi varrebbe la pena ritrovare.
Facendo mentre locale , ritrovo Simona l’OTR di Lallio, Ana di Brembate, Laura di Gazzaniga, Anna di Dalmine. Peccato che non sia più reperibile Marisa, che con Daniela sua sorella, mi avevano regalato intense emozioni OTR in quel di Lallio.

Si tratta ora di scegliere e la scelta , quasi obbligata per pretesa mia, cade su ANNA di Dalmine Guarda il profilo della escort INDEX IDX03d8bcb07891395f5340264e4c2053d4 Cerca Index(531)
mia vecchia fiamma di tante bevute e altrettante incu..te. https://gnoccaforum.biz/escort/girlescort-bergamo-18/anna-milfettona-dalmine/90/
La chiamo e dopo lieve titubanza rispolvera la mente e mi riconosce ( che memoria) e mi risponde col mio nome… “che ti è successo, che hai fatto in tutto questo tempo”… parliamo un po e ci accordiamo e io la avviso che lei sarà la prima mia dopo 2 anni di attesa e che dovrà aspettarsi un ingozzata di crema . “Non c’è problema” dice, “anzi meglio, così mi disseto di buona annata”.
La location è sempre la stessa: Dalmine vicino alla Lidl, salgo i gradini, si apre la porta ed ecco ella, nei suoi soliti panni: vestaglia nera di seta, autoreggenti su tacco alto e due tettone, che trabordanti escono da tutto quel ben di Dio, leggermente appesantito dall’ultima volta che la incontrai.
Baci, abbracci, sorrisi e un lieve cenno di FK accompagnano il nostro ritrovarci.
Una cosa bella di Anna è che non conta mai il tempo: un incontro è un incontro unico, diverso da un altro , rispettato nei tempi, qualunque essi siano;. Ed è così che dialoghiamo per venti minuti o mezzora, almeno fino a quando, ormai nudo e con l’asta bella eretta le esterno il programma mio: dolce leccata io a lei, dolce leccata lei a me, esplorazione in rai 1 , esplorazione rettale io a lei, occupazione orale dell’asta e dei gioielli lei a me e terminator in mouth con ricca deglutizione di notevole prodotto DOC.
Stupenda sensazione è percepire le di lei contrazioni sulla punta della lingua mia, mentre pratico la dolce leccata intima e ancor più quando la bocca mi si riempie dei suoi umori ,che caldi scivolano sulle mie labbra e che suggo avidamente.
Ma fantastico è anche sentire la sua bocca che avvolge il mio sesso in quel classico e seducente andirivieni “su e giu “, che tanto avevo sognato.
Non c’è bisogno di molto tempo che l’asta agogna la penetrazione. Pertanto, indossata la protezione mi cimento in quel sognato gesto, che con sommo piacere accade e senza sforzo alcuno. Alzate le gambe sue in cielo, il sesso mio entra come in un pane di burro e, ad ogni affondo, sento lei gemere e gemere e gemere, con quella naturalezza che non è da scuola mimica, ma da puro e vero godimento, fino a che non nasce un soffocato urlo, a cui corrisponde l’uscita di una fontana di caldo liquido vaginale, che ,a getti, mi copre il ventre.
Soddisfatto da tanta naturalezza, e dall’esser riuscito a darle godimento, cerco la bocca sua per acuire queste sensazioni con un tocco di lingua che mischi i nostri umori. Peccato che a tal ricerca ella non risponda, se non lasciando socchiuse le labbra, quasi a dire “ prendimi tutto, ma non il mio bacio”. Peccato mi dico, ma non scoraggiato, penso alla sensazione che proverò di li a poco, affondandola nel suo retro.
Preparatasi a tal gesto coll’aiuto di molta crema gel , e posizionata accovacciata e pecoresca, dirigo la mia beltà su quell’orifizio, che però non ne vuol saper d’aprirsi . Seppur con gesto di spinta, dapprima lieve e poi sempre più deciso, quel buchetto (ben collaudato) non s’apre proprio. “Succede sempre ogni volta che godo” mi dice, “si chiude e non ne vuol sapere di aprirsi”. Caspita, se me l’avesse detto prima, avrei potuto evitare il davanti, prediligendo il dietro. Ma a me che me ne frega, penso, ma intanto quel tanto atteso rai2 mi è interdetto.
Scornato e un po amareggiato , decido allora di prendermi anch’io il mio godimento e se non sarà quel suo splendido culo ad aprirsi, dovrà aprirsi quella sua capiente fauce .
Dapprima io sdraiato e lei sopra, poi lei seduta ed io in piedi davanti a lei ed in altre varianti e posizioni, avviene così quel torbido amplesso orale che dura quel tanto da farle rischiare una lussazione ai condili mandibolari, ma che lei esegue alla perfezione, senza lamento alcuno, anche quando le chiedo e pretendo che si ponga sdraiata sul letto, colla bocca aperta, pronta a ricevere i miei affondi chiavatori.
In tal posizione restiamo, degni attori emulatori di un film di Maxhardcore, (ma senza vomito finale), con lei che continua a ricevere le mie bordate direttamente sulle sue tonsille ed io che incalzo senza tregua alcuna, fino all’agognato e disperato godimento finale, che giunge copioso oltre ogni limite, che le riempie il cavo orale . lo stomaco e che, malgrado la deglutizione, trasborda oltre l’angolo della bocca, creandole due rivoli sul viso.
Non forse un litro, ma poco ci è mancato, due anni di assenza, soprusi e attese e tutta quella calda semente che riversata nello stomaco di Anna …. é una liberazione.
Restiamo a parlare e a godere di quei momenti sdraiati fianco a fianco per molto tempo, senza urgenze, senza pretese e ,soltanto quando decido io , ci alziamo per ricomporci; la pisciata copiosa che viene, mi fa scordare il lavaggio di rito del pirla e degli zebedei e anche la rinfrescata. Con il versamento dei classici VU+30 e il saluto sulla porta di casa, me ne vò, concludendo questa prima performance dopo tanto tempo passato a sognarla.


Uscito da quello scannatoio, mi rendo conto che la soddisfazione non è però pienamente completa, sarà per il mancato possesso di quel largo suo rai2 o forse perchè sento che le palle non si sono svuotate del tutto, ma la voglie è restata e, a gran voce, pretende di essere ascoltata.
Decido quindi di non attendere, ma di pretendere ancora un'altra soddisfazione e, ripresa la vecchia agenda, digito il numero di Ana di Brembate ( che una volta riceveva a Verdello).
Guarda il profilo della escort
Un tentativo, due tentativi e soltanto al terzo mi risponde . Ci parliamo, mi riconosce (ma che memoria queste professioniste) e le chiedo se tra il suo menù contempla rai2 e swallow. Né uno né l’altro mi risponde, soltanto cover. Peccato perché Ana è proprio un bel pezzo di gnocca, da come me la ricordo.
La terrò buona per altre occasioni dunque , ma al momento che faccio ?
Rimembrando il passato (mumble mumble…) torna il pensiero di Laura ( o come si faceva chiamare) che riceveva a Gazzaniga. Chiamo ma risulta staccato, richiamo e fa altrettanto.
Che fare ? cerco sul tablet e scopro così che ha cambiato numero ( o forse il numero che avevo non era suo) e che non è più a Gazzaniga, ma a Colzate.
Guarda il profilo della escort
LAURA Colzate INDEX IDXd41c4d38498bbb7cbdf3a68ea00c3554 Cerca Index
(644)
Ritelefono e finalmente è lei e mi risponde subito. Questa volta però non mi riconosce. Le chiedo il menù e scopro con piacere che la bevuta di crema rientra sempre tra le specialità di casa.
Perfetto, mi metto in viaggio e, dopo una lunga coda per la val Seriana (è tardo pomeriggio), la raggiungo.
La chiamo, è libera subito (mi ha aspettato). Mi apre e si affaccia sulla porta di casa che è proprio ben visibile dalla pubblica via: lei è come me la ricordavo, ben in carne,tipo BBW e con tue tettone mastodontiche, il viso non è un granchè, ma pur sempre piacevole, come potrebbe essere una zia porca.
E’ vestita (è una parola grossa) con una specie di guepierre da cui scoppiano le tettone, sandali con taccone , calze a rete. E’ sudata, fa caldo, i capelli bagnati dal sudore e la pelle idem.
L’aspetto non è propriamente invitante, ma lei è pur sempre gentile, educata e, da come ricordavo, grande esperta del bocchino con ingoio.
Le dico che sono già lavato (non è vero) e lei si fida. Le dico che voglio una cosa svelta, una bella svuotata nella sua bocca, ma che dovrà impegnarsi e lei non obbietta, anzi mi incalza ad usarla.
Seduta sul bordo del letto le faccio trasbordare dal vestito le sue tettone, che pastrugno , con gran soddisfazione e , afferratole la testa, la dirigo direttamente sul mio pirla, che sparisce tutto direttamente in gola.
Il pirla è sporco ancora della mia semente dell’incontro con Anna, ma lei sembra proprio non accorgersene e ciuccia, ciuccia e ciuccia ancora di brutto, sollevando la sua testa e abbassandola, affondandoselo spingendosi fin contro il mio ventre, facendomelo sparire tutto .
La foia è tanta ma il desiderio di venire non è poi così immediato, che costringo Laura a quell’azione con la bocca spalancata per un tempo che mi sembra interminabile. Ma lei non obietta mai e questo è un piacere e un grande vantaggio che non mi costringe a tante richieste, lei è ligia al suo compito e non si lamenta.
Non si lamenta nemmeno quando , in procinto di venire, le afferro di nuovo la testa per i capelli unti e bisunti e la spingo contro il mio ventre , dandole un ritmo forsennato di gola profonda , al limite del rischio vomito.
Vengo di nuovo, così, con la sua testa tra le mie mani e gli schizzi che superano le tonsille e si riversano più giù.
Soddisfatto la allontano e lei, con la lingua che si lecca gli angoli della bocca , emette un flebile ruttino digestivo, segnale di apprezzamento della bevuta.
Versati i classici VU, anche questa volta non mi lavo, ma per necessità (non esiste lavello né bidet, ma una vecchia vasca per lavare i panni, con acqua gelata e sapone marsiglia da bucato), la saluto, evitando di limonarla, come invece lei avrebbe voluto e me ne vò, rientrando in città.
Questa volta la soddisfazione è piena , sento di essermi svuotato finalmente, e decido di andare a cena in una pizzeria di Dalmine.


Cenato,al ritorno verso Bergamo, circa verso le 21?30 passo davanti al distributore Q8 di Lallio e chi mi vedo?
La mitica SIMONA , sotto la pensilina in attesa di essere rimorchiata.
Non ci posso credere, malgrado sia svuotato, un saluto è d’obbligo, anche solo in ragione delle belle vecchie esperienze con lei vissute da dieci anni a questa parte.
Mi avvicino, calo il finestrino, lei mi guarda , io le dico “ciao” e lei di risposta amplifica il proprio sorriso, allungando le mani per toccarmi e dicendomi “ non è vero che sei tu , non è possibile, ma dove eri finito, è da due anni che non ti vedo”.
Apro la portiera, lei sale , ci baciamo e (miracolo mai accaduto) il pirla risale di nuovo sull’attenti per la terza volta e mi meraviglio che ciò accada.
Non posso dunque che ascoltare ancora il richiamo dei sensi e della natura e appartarmi anche con Simona.
Di questo nostro ritrovarci non mi dilungherò con descrizioni particolari, in quanto di lei esiste una ampia e corposa “bibliografia”et innumerevoli recensioni su GF.
Sappiate solo che per amore di Simona , per il gusto di avere la sua bocca sul mio sesso e per il piacere di fare con lei un lungo lingua in bocca, ho affrontato il gusto della sborra di almeno due miei predecessori , che precedentemente l’avevano sborrata.
Inutile descrivere le sensazioni sublimi del suo bbj, dei suoi mostruosi affondi in deepthroat e del cim finale (peccato che rifiuti l’ingoio), in quanto sono stati già ampiamente descritti in altre recensioni.
In conclusione: terza sborrata in bocca a Simona, senza ingo, ma con la sensazione che ciò sia accaduto, considerati i tremendi affondi effettuati dalla dolce pulzella , proprio durante l’eiaculatio.
Altro VU, saluti e promessa di un prox incontro in loft , per fare l’amore e farla godere anche lei , che credo che avverrà molto presto.
Conclusione: col mio ritorno trovo un panorama p......sco strano, senza certezze e novità interessanti. Tanta fauna e flora (spero non batterica) , ma nulla di interessante. Alcune vecchie fiamme non ci sono più e altre ci sono ancora, ma la resa non è più la stessa di prima.
Temo in un futuro difficile, almeno a Bergamo.
Proverò altrove.
Grazie dell’attenzione e buon proseguimento a tutti.
Rag.UgoFantozzi

Offline Assdream

Un grande!!!non vedo ora quando recensirai la mitica natasha kiss!!

Offline Essenziale78

bella descrizione ragioniere
Io però sono convinto che una donna che ingoia e' sempre un rischio sanitario elevatissimo per lei e per l'uomo.
Fossi in te ci starei attento perché le girl che effettuano questa pratica.......

Offline fantozzi.ugo


bella descrizione ragioniere
Io però sono convinto che una donna che ingoia e' sempre un rischio sanitario elevatissimo per lei e per l'uomo.
Fossi in te ci starei attento perché le girl che effettuano questa pratica.......

Caro Collega,
normalmente il rischio è più per la donna, se l'uomo non è perfettamente "in forma".
Per questo motivo mi cerco sempre donne "collaudate" e "sicure", cioè che si fanno i dovuti controlli.
Le nuove, poi, me le valuto con attenzione prima di giocare.
In ogni caso posso darti ragione sul fatto di giocare senza protections, almeno oralmente.
I rischi ci sono sempre.

Offline BillyBis

Grazie "ragioniere" per il bel racconto.
E' generalmente buona norma parlare di un solo incontro per ogni topic aperto, al fine di evitare disguidi e incomprensioni nei successivi interventi. Vediamo se è possibile dividerlo.

Offline fantozzi.ugo


Grazie "ragioniere" per il bel racconto.
E' generalmente buona norma parlare di un solo incontro per ogni topic aperto, al fine di evitare disguidi e incomprensioni nei successivi interventi. Vediamo se è possibile dividerlo.


Ok Capo,
me ne ricorderò in fututo.
Ma la prego, non lo smembri... piuttosto lo cancelli.
Rag F.

Offline MCMXLIX

Carissimo BillyBis, anch'io la penso come il rag. Fantozzi. E' un vero peccato smembrare il suo intervento che è una testimonianza estemporanea del peregrinare del vero punter. Questo è un cameo... non tre recensioni relative a tre signore, che tutti quelli che leggono conoscono già. Estrapolare e aggiungere una rece a ciascuna delle tre coprotagoniste, non avrebbe il valore e il significato della complessiva e splendida testimonianza del ragioniere. Saluti a tutti

Offline neo_69

complimenti al ragioniere, 2 anni senza copulare mi sembrano un'eternità dato che dopo una settiman già mi viene il mal di testa.... un grande!!!

Neo

 




Contattaci a questo indirizzo email: admin@gnoccaforum.biz



XHTML -- RSS -- WAP2 -- SITEMAP